Milano e le Social Street – Intervista a Francesca Vigliani della Social Street di via Sismondi.

Come sapete, il fenomeno delle social street a Milano ci interessa molto. E così dopo Vicini di casaavere visto insieme la social street di via Maiocchi e quella di via Rubattino ci spostiamo in via Sismondi dove grazie a Francesca Vigliani è nata la Social Street di via Sismondi e dintorni.

Con Francesca cerchiamo di capire passo dopo passo cosa vuol dire creare una social street e soprattutto portarla avanti.

SEIACASAMILANO:

La prima domanda non può essere diversa: com’è nata l’idea?

FRANCESCA VIGLIANI: 

Francesca Vigliani, l'ideatrice della Social Street di via Sismondi

Francesca Vigliani, l’ideatrice della Social Street di via Sismondi

Ho conosciuto il progetto Social Street alla Social Media Week di Milano. Fin da subito l’iniziativa mi è sembrata interessante: mi incuriosiva molto il modo in cui le social street si stavano diffondendo in Italia, così mi sono iscritta alla social street più vicina a casa (che comunque non era proprio nella mia zona) per capire come funzionasse ma soprattutto come venisse gestito il gruppo.

Ci ho riflettuto un po’ prima di farlo e il 26 giugno scorso ho aperto il gruppo Social Street dei residenti di Via Sismondi e dintorni, ma appunto la scelta non è stata immediata.

SEIACASAMILANO:

Solo curiosità o ci sono stati altri motivi che ti hanno portato a lanciarti in questa avventura?

FRANCESCA VIGLIANI:

Ho sempre pensato che nel mio quartiere mancasse un luogo di aggregazione, un punto di riferimento per gli abitanti. Come rimediare? Per mesi ho riflettuto su questo progetto: lanciarlo o non lanciarlo? Il timore era di imbarcarmi in qualcosa di più grande di me. Allo stesso tempo la voglia e l’entusiasmo di fare qualcosa per me e gli abitanti del quartiere ha avuto la meglio.

È così che è nato il gruppo Residenti di via Sismondi e dintorni.

SEIACASAMILANO:

Come ti sei mossa in concreto? Hai fatto tutto da sola o hai avuto un aiuto?

FRANCESCA VIGLIANI:

La maggior parte dei miei amici non risiede in zona quindi ho preferito lanciare l’iniziativa da sola senza coinvolgere terzi. In più avevo voglia di fare una cosa “mia”, un progetto lanciato da sola ma con lo scopo di raggiungere le persone del quartiere, creare aggregazione e fare nuove amicizie.

Ho solo informato il mio ragazzo quando ho cominciato a pensarci, ma essendo del Sud non conosceva molto il fenomeno.

SEIACASAMILANO:

Come sono stati gli inizi? Hai avuto subito riscontri?

FRANCESCA VIGLIANI:

All’inizio l’adesione è stata timida, ma nel giro di poco tempo sia i volantini distribuiti per informare i vicini della cosa, ma soprattutto il passaparola hanno portato i loro frutti. Frutti che sono maturati il 6 agosto quando ci siamo trovati per la prima volta al Boom, locale all’interno dei giardini adiacenti al Wow – Museo del Fumetto.

Nonostante il periodo vacanziero, 14 persone hanno partecipato all’aperitivo insieme a un fotografo del Corriere della Sera: qualche giorno dopo infatti è uscito un articolo nella Cronaca di Milano in cui veniva menzionato proprio il mio gruppo! In seguito sono stata intervistata da Viver Sani e Belli e last but not least, ho avuto il mio “piccolo momento di gloria” anche su Quattro, la rivista di quartiere.

SEIACASAMILANO:

E dopo quel primo incontro cosa è successo?

FRANCESCA VIGLIANI:

L’idea è stata accolta in maniera molto positiva dai residenti della zona, anche se non tutti partecipano attivamente alla conversazione o agli eventi. Ma rimango molto fiduciosa e spero che il numero dei membri aumenti.

Dal lancio ad oggi non ho notato un grande cambiamento: ci siamo visti poche volte per vedere dei risultati effettivi. Pensavo che ci sarebbe stata maggiore partecipazione da parte degli iscritti, ma bisogna tenere a mente che non tutti sono sempre on line.

SEIACASAMILANO:

Chi fa parte del gruppo?

FRANCESCA VIGLIANI:

Ci sono persone tra i 35 e i 65 anni; (i membri sono 254, ndr), piace per lo più a giovani

Particolare della home page del gruppo Facebook Residenti in via Simondi e dintorni

Home page del gruppo Facebook Residenti in via Simondi e dintorni

famiglie e a single che vogliono conoscere nuove persone e condividere esperienze. L’idea di partecipazione è il fattore che attrae di più: Milano è una città difficile e, specialmente per chi non è nato in zona, è difficile crearsi un giro di amicizie e solidarietà.

C’è anche chi la utilizza per trovare lavoro. Nel nostro caso, è capitato che alcuni commercianti della zona abbiano pubblicato annunci o offerte speciali riservate ai membri del gruppo.

SEIACASAMILANO:

In questi mesi c’è qualcosa che ti ha colpito particolarmente?

FRANCESCA VIGLIANI:

Lo scambio spontaneo avvenuto in bacheca poco dopo il lancio del gruppo: una signora appassionata di giardinaggio ha condiviso la foto di un fiore in bacheca dicendo di avere numerosi semi disponibili da dare e ha ricevuto risposta subito dopo da parte di un’altra signora.

Da lì il passo è stato breve: si sono messe d’accordo in privato per scambiarsi i semi ed è nata una bella amicizia.

SEIACASAMILANO:

Come vedi le social street in futuro?

FRANCESCA VIGLIANI:

Le social street migliorano indubbiamente la qualità della vita, alcune hanno creto dei GAS (Gruppi di Acquisto Solidale), orti, iniziative legate al sociale… Le possibilità sono molte! Quanto alle abitazioni, stanno nascendo veri e propri complessi in modalità co-housing, strutture dove è possibile usufruire di aree comuni e di servizi dedicati alle famiglie che vi abitano.

Indubbiamente è un valore aggiunto, anche se non per tutti: c’è chi ama la propria privacy e preferisce non essere “disturbato”.

Non escludo che complessi di questo genere, la cui richiesta sta aumentando, facciano crescere il valore delle case e del quartiere. Anche social street avrà lo stesso effetto? “Lo scopriremo solo vivendo”.

Il primo aperitivo organizzato il 6 agosto

Il primo aperitivo organizzato il 6 agosto

Annunci

One thought on “Milano e le Social Street – Intervista a Francesca Vigliani della Social Street di via Sismondi.

  1. Pingback: Social Street? Ecco cosa hanno insegnato a Francesca Vigliani (Social Street via Sismondi). | Sei a casa, Milano!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...