Milano e i musei minori, da Casa Poldi Pezzoli a Porta Venezia (seconda parte)

Lo avevamo già detto in questo post: Milano, a dispetto di quello che comunemente si crede, è una città ricca di cose da vedere, spesso sotto gli occhi di tutti, ma sconosciute ai più. Per aiutarvi a scoprire o riscoprire le bellezze della nostra città, eccoci con la seconda parte del post dedicato ai musei “minori”. Virgolette d’obbligo perché non si tratta, in realtà, di musei più piccoli o inferiori – tutt’altro! – ma di strutture che sono un po’ meno note, ma non per questo meno di prestigio.

Sapevate che, come Roma e altre città d’Italia, anche Milano ha il suo Museo del Risorgimento?

Nato nel 1885, si trova all’interno del settecentesco Palazzo Moriggia, in via Borgonuovo 23, ed è caratterizzato da stampe, sculture, dipinti, armi e cimeli che raccontano il periodo che va dalla prima campagna di Napoleone – di cui si trovano bastone, scettro e mantello indossati durante l’incoronazione a Re d’Italia – fino all’annessione di Roma al regno d’Italia nel 1870. Il museo ospita fino al 29 marzo la mostra “I lavoratori del cibo. Un racconto attraverso fotografie, parole e documenti” . La mostra è a ingresso libero, il museo costa 5 euro.

Restando in zona Brera, di poco più “giovane” è la Casa Museo Poldi Pezzoli con opere di Piero della Francesca, Pollaiolo, Mantegna, Botticelli, Lippi, Hayez, solo per citarne alcuni. Questo museo, quasi distrutto dai bombardamenti del ’43, si è arricchito di recente, grazie a una donazione, di due incisioni di Canaletto. Costo del biglietto: 9 euro. Sempre una Casa, anzi una villa, è Necchi Campiglio che si trova in centro e con esattezza in via Mozart. Anche in questo caso, se non ci siete mai andati, prenotate il prossimo weekend per un giro: ne vale davvero la pena.

Interno del Museo Poldi Pezzoli

Interno del Museo Poldi Pezzoli

La villa, di proprietà del FAI, permette di fare un “viaggio” nel novecentesco mondo dell’agiata alta borghesia milanese e anche di godere dei suoi begli spazi all’area aperta. Costo del biglietto 9 euro, ingresso gratuito per i soci del FAI.

Se invece di arte siete appassionati sì, ma vorreste vedere qualcosa di diverso, vi consigliamo un giro al Wow Spazio Fumetto, in viale Campania 12. Il museo è l’elisir per chi ama i fumetti perché permette di approfondire la loro conoscenza anche nella loro produzione contemporanea. Fino al 15 marzo, il Museo ospita ad esempio la mostra “Siamo tutti Charlie” a ingresso libero, mentre fino al 22, viene incontro ai gusti degli appassionati del fantasy con un’esposizione dal titolo “La magia dell’anello”.

Il costo del biglietto varia a seconda delle mostre, se invece volete farvi un giro gratis potete approfittare della caffetteria, del book shop e delle esposizioni al piano terra.

E se di stare al chiuso non avete più voglia, vi consigliamo di fermarvi a guardare qualcosa che sicuramente avrete visto ma forse senza soffermarvi troppo. Parliamo di Porta Venezia che è un pezzo importante di storia della nostra città alla pari di un museo.

Nota anche come Porta Orientale, Porta Argenta o Renza, al tempo dei romani era un accesso della città. Forse non sapete che la versione attuale – che viene fuori da tante ricostruzioni – occupa sì lo spazio della porta seicentesca ma differisce da quella di allora. Restando nel ‘600, le cronache dicono che è proprio passando da qui che i Lanzichenecchi entrarono a Milano e diffusero la peste. La porta, nel corso dei secoli, venne adibita poi a casello daziario e restaurata dall’architetto Giuseppe Piermarini. In seguito acquisì sempre più valore di monumento e venne restaurata tra il 1827 e il 1828, per arrivare alla versione che vediamo adesso.

Infine, sapete perché si chiama così? Venne dedicata alla città di Venezia rimasta austriaca, dopo la seconda guerra d’indipendenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...