[Guest post] Francesca Vigliani, della Social Street Sismondi: Esperimento di Social Cooking con California Bakery riuscito, con ottima Cheese Cake cucinata insieme ai vicini di quartiere.

Abbiamo parlato ormai molte volte delle social street e della loro importanza nel creare uno spirito di comunità all’interno dei quartieri della nostra città. 

In questo post ascoltiamo la testimonianza diretta – da parte delle fondatrice della Social Street di via Sismondi e dintorni che i nostri lettori già conoscono, Francesca Vigliani – di un simpatico esperimento di “cucina insieme” che si è svolto di recente, in partnership con California Bakery.

Lasciamo la parola a Francesca, che ringraziamo per la disponibilità e la simpatia.

“Durante lo scorso inverno sono stata contattata da Francesca Rubboli, insegnante di cucina di California Bakery, che mi ha segnalato l’iniziativa lanciata dall’omonimo ristorante, dedicata alle Social Street. Ovviamente ho subito colto la palla al balzo e ho proposto l’iniziativa sulla bacheca di Via Sismondi.

Social Cooking California Bakery
Il corso proposto alle Social Street è quello della New York cheese cake, un classico americano. Il riscontro è stato subito positivo: un po’ ingolositi dal dolce in questione e dal fatto che il corso fosse gratuito, in molti hanno voluto prenotare il proprio posto.

Lo scoglio più grande è stato trovare una location dove tenere il corso dato che lo scopo dell’iniziativa è quello di ritrovarsi a casa di qualche membro della Social Street. Fortunatamente i gestori del Mercato Comunale di Piazzale Fusina si sono subito fatti avanti mettendo a disposizione la cucina del negozio. In un secondo momento però si è deciso di spostare il corso dal Mercato Comunale alla casa di Bruno e Chicca in quanto era più adatta alla circostanza.

Un momento della Social Cooking

Un momento della Social Cooking

In tutto eravamo 12 persone, tutte donne di diverse età, abitanti in zona. Ognuna ha portato gli utensili necessari per fare la torta, più alcuni ingredienti. Bruno e Chicca si sono gentilmente offerti di procurare gli ingredienti freschi per tutte le partecipanti. Dopo aver steso la crosta di biscotto, aver amalgamato le creme e aver versato il tutto nello stampo, abbiamo riposto tutte le cheesecake in frigo. Nel frattempo, l’insegnante ha infornato una cheesecake per mostrare come sarebbe diventata una volta cotta. Nel frattempo ha tagliato a fette una torta già pronta che abbiamo gustato tutte insieme. Per concludere il bel pomeriggio, Chicca ha stappato una bottiglia di Moscato e abbiamo brindato all’ottima riuscita del Social Cooking.

È stata sicuramente una bella esperienza che ha impressionato tutti positivamente. Sarebbe interessante riproporre iniziative simili ma bisogna ancora abbattere la barriera di diffidenza che le persone hanno nell’invitare sconosciuti a casa propria. Sono sicura che un volta superata la timidezza, sarà possibile riproporre iniziative del genere.

Nel frattempo abbiamo già organizzato una degustazione di birre italiane! Diciamo che non perdiamo tempo!”.

 

Annunci

Milano e le Social Street – Intervista a Francesca Vigliani della Social Street di via Sismondi.

Come sapete, il fenomeno delle social street a Milano ci interessa molto. E così dopo Vicini di casaavere visto insieme la social street di via Maiocchi e quella di via Rubattino ci spostiamo in via Sismondi dove grazie a Francesca Vigliani è nata la Social Street di via Sismondi e dintorni.

Con Francesca cerchiamo di capire passo dopo passo cosa vuol dire creare una social street e soprattutto portarla avanti.

SEIACASAMILANO:

La prima domanda non può essere diversa: com’è nata l’idea?

FRANCESCA VIGLIANI: 

Francesca Vigliani, l'ideatrice della Social Street di via Sismondi

Francesca Vigliani, l’ideatrice della Social Street di via Sismondi

Ho conosciuto il progetto Social Street alla Social Media Week di Milano. Fin da subito l’iniziativa mi è sembrata interessante: mi incuriosiva molto il modo in cui le social street si stavano diffondendo in Italia, così mi sono iscritta alla social street più vicina a casa (che comunque non era proprio nella mia zona) per capire come funzionasse ma soprattutto come venisse gestito il gruppo.

Ci ho riflettuto un po’ prima di farlo e il 26 giugno scorso ho aperto il gruppo Social Street dei residenti di Via Sismondi e dintorni, ma appunto la scelta non è stata immediata.

SEIACASAMILANO:

Solo curiosità o ci sono stati altri motivi che ti hanno portato a lanciarti in questa avventura?

FRANCESCA VIGLIANI:

Ho sempre pensato che nel mio quartiere mancasse un luogo di aggregazione, un punto di riferimento per gli abitanti. Come rimediare? Per mesi ho riflettuto su questo progetto: lanciarlo o non lanciarlo? Il timore era di imbarcarmi in qualcosa di più grande di me. Allo stesso tempo la voglia e l’entusiasmo di fare qualcosa per me e gli abitanti del quartiere ha avuto la meglio.

È così che è nato il gruppo Residenti di via Sismondi e dintorni.

SEIACASAMILANO:

Come ti sei mossa in concreto? Hai fatto tutto da sola o hai avuto un aiuto?

FRANCESCA VIGLIANI:

La maggior parte dei miei amici non risiede in zona quindi ho preferito lanciare l’iniziativa da sola senza coinvolgere terzi. In più avevo voglia di fare una cosa “mia”, un progetto lanciato da sola ma con lo scopo di raggiungere le persone del quartiere, creare aggregazione e fare nuove amicizie.

Ho solo informato il mio ragazzo quando ho cominciato a pensarci, ma essendo del Sud non conosceva molto il fenomeno.

SEIACASAMILANO:

Come sono stati gli inizi? Hai avuto subito riscontri?

FRANCESCA VIGLIANI:

All’inizio l’adesione è stata timida, ma nel giro di poco tempo sia i volantini distribuiti per informare i vicini della cosa, ma soprattutto il passaparola hanno portato i loro frutti. Frutti che sono maturati il 6 agosto quando ci siamo trovati per la prima volta al Boom, locale all’interno dei giardini adiacenti al Wow – Museo del Fumetto.

Nonostante il periodo vacanziero, 14 persone hanno partecipato all’aperitivo insieme a un fotografo del Corriere della Sera: qualche giorno dopo infatti è uscito un articolo nella Cronaca di Milano in cui veniva menzionato proprio il mio gruppo! In seguito sono stata intervistata da Viver Sani e Belli e last but not least, ho avuto il mio “piccolo momento di gloria” anche su Quattro, la rivista di quartiere.

SEIACASAMILANO:

E dopo quel primo incontro cosa è successo?

FRANCESCA VIGLIANI:

L’idea è stata accolta in maniera molto positiva dai residenti della zona, anche se non tutti partecipano attivamente alla conversazione o agli eventi. Ma rimango molto fiduciosa e spero che il numero dei membri aumenti.

Dal lancio ad oggi non ho notato un grande cambiamento: ci siamo visti poche volte per vedere dei risultati effettivi. Pensavo che ci sarebbe stata maggiore partecipazione da parte degli iscritti, ma bisogna tenere a mente che non tutti sono sempre on line.

SEIACASAMILANO:

Chi fa parte del gruppo?

FRANCESCA VIGLIANI:

Ci sono persone tra i 35 e i 65 anni; (i membri sono 254, ndr), piace per lo più a giovani

Particolare della home page del gruppo Facebook Residenti in via Simondi e dintorni

Home page del gruppo Facebook Residenti in via Simondi e dintorni

famiglie e a single che vogliono conoscere nuove persone e condividere esperienze. L’idea di partecipazione è il fattore che attrae di più: Milano è una città difficile e, specialmente per chi non è nato in zona, è difficile crearsi un giro di amicizie e solidarietà.

C’è anche chi la utilizza per trovare lavoro. Nel nostro caso, è capitato che alcuni commercianti della zona abbiano pubblicato annunci o offerte speciali riservate ai membri del gruppo.

SEIACASAMILANO:

In questi mesi c’è qualcosa che ti ha colpito particolarmente?

FRANCESCA VIGLIANI:

Lo scambio spontaneo avvenuto in bacheca poco dopo il lancio del gruppo: una signora appassionata di giardinaggio ha condiviso la foto di un fiore in bacheca dicendo di avere numerosi semi disponibili da dare e ha ricevuto risposta subito dopo da parte di un’altra signora.

Da lì il passo è stato breve: si sono messe d’accordo in privato per scambiarsi i semi ed è nata una bella amicizia.

SEIACASAMILANO:

Come vedi le social street in futuro?

FRANCESCA VIGLIANI:

Le social street migliorano indubbiamente la qualità della vita, alcune hanno creto dei GAS (Gruppi di Acquisto Solidale), orti, iniziative legate al sociale… Le possibilità sono molte! Quanto alle abitazioni, stanno nascendo veri e propri complessi in modalità co-housing, strutture dove è possibile usufruire di aree comuni e di servizi dedicati alle famiglie che vi abitano.

Indubbiamente è un valore aggiunto, anche se non per tutti: c’è chi ama la propria privacy e preferisce non essere “disturbato”.

Non escludo che complessi di questo genere, la cui richiesta sta aumentando, facciano crescere il valore delle case e del quartiere. Anche social street avrà lo stesso effetto? “Lo scopriremo solo vivendo”.

Il primo aperitivo organizzato il 6 agosto

Il primo aperitivo organizzato il 6 agosto